Andy Bruce & The Rigidly Righteous
The Midge

(Brokken Records)

Album dal suono fresco e accattivante, musica intellettualmente stimolante ma al contempo sorprendentemente accessibile, The Midge ha costituito per chi scrive una gran bella sorpresa, e per pi motivi, a partire dalla copertina: colorata e ariosa, dal sapore di fumetto, la scenetta disegnata da Richard van der Ven ci ha ricordato per contrasto quanto triste e privo di verve sia l'aspetto della maggior parte dei CD che ci capita di vedere di questi tempi.

La seconda sorpresa l'abbiamo avuta leggendo la formazione: nomi per noi sconosciuti, e una strumentazione a dir poco insolita. Ecco il dettaglio: Andy Bruce, trombone e voce; Hermine Deurloo, armonica e sax soprano; Frans Cornelissen, tuba; Martin Fondse, tastiere, melodica e flauto; Sander Hop, chitarra; Alan Purves, batteria e percussioni.

La descrizione della musica fatta dal foglio d'accompagnamento sembrava la ricetta perfetta per un sicuro disastro: una miscela di jazz, improvvisazione e tradizione popolare scozzese. C'era da temere il peggio: cornamuse a go-go e batteria e basso fusion? Ma qui la terza sorpresa stato il risultato finale.

Abbiamo dovuto superare lo scoglio psicologico di vedere il nome di Robert Burns quale autore di tre brani (qui arrangiati da Andy Bruce), l'unica cosa su di lui nota a chi scrive il suo essere menzionato da Ian Anderson sull'album dei Jethro Tull Bursting Out nel corso della chiacchierata introduttiva al brano One Brown Mouse. Ma qui Wikipedia ci venuta in soccorso.

L'ascolto di The Midge ci dice che il leader Andy Bruce senz'altro un buon compositore: se vero che alla base del lavoro stanno le tradizioni popolari scozzesi, non facile avvertire cesure nette tra i temi e il loro (elastico) sviluppo, in grado di sorprendere l'ascoltatore anche dopo numerosi ascolti. Ma a giudicare da quest'album Bruce forse ancora pi bravo in veste di arrangiatore: si ascolti il modo in cui bilancia i "pesi" delle fonti sonore; il gusto con cui sfrutta il timbro dell'armonica, di un sax soprano che a tratti assume le sembianze di un clarinetto, di un trombone sordinato che diventa quasi una cornetta; bello, pur se non appariscente, l'uso delle tastiere: un pianoforte, un piano elettrico che dalla risposta al tocco diremmo proprio un Fender Rhodes, e un organo che suona tanto come un vecchio Farfisa.

Tutto questo non sarebbe ovviamente possibile senza avere a disposizione degli ottimi musicisti (a proposito: Bruce e Purves sono scozzesi; gli altri quattro, olandesi - il che dovrebbe spiegare i riferimenti ad arie climatiche che l'orecchio esperto non faticher a percepire). Suonano tutti bene, ma ci piace menzionare Frans Cornelissen e Sander Hop, proprio perch il loro lavoro forse quello che pi facile sottovalutare: il primo eccellente sia nel fornire un appoggio da "basso" che nell'andare in assolo; mentre crediamo sia al secondo (al quale vengono accreditati in copertina "additional recordings", missaggio e coproduzione) che lecito attribuire il merito di quei colori sonori "moderni" (una tuba che sembra filtrata in un plug-in, dei soffi quasi "ambient", dei sibili che si direbbero riferibili a un Theremin) che rendono quest'album diverso da quello che le aspettative vorrebbero.

Posto in apertura, il breve e frizzante brano che d il titolo all'album ha un inizio a pi voci cui fa seguito un tempo quasi da "marching band" per un insieme di armonica, tuba, trombone, batteria e pianoforte, con disinibita uscita di chitarra.

Dall'inizio sornione e sbarazzino, The Bubblyjock ha il trombone con sordina, molto swing, il Farfisa, il soprano in veste di clarinetto, un bell'assolo di tuba con efficace accompagnamento di piano e batteria (con il rullante con cordiera in evidenza), bel "comping" ortodosso di chitarra.

Arrangiato da Bruce, il tradizionale The Four Marys l'unico brano vocale dell'album. Melodia facilmente trasponibile per cornamusa, appropriato accompagnamento di chitarra arpeggiata, intermezzo strumentale degno di nota da parte di una melodica appropriatamente "scozzese". Sorprende la chiusa con carillon.

As Honest Jacob un brano di Robert Burns arrangiato da Bruce. Inizio "swing", tema eseguito all'unisono da armonica e trombone, ottimo svolgimento, assolo di chitarra con eco e wha-wha che per un attimo ci ha riportato alla mente Gary Green (!) con un buon sostegno del piano Fender.

Use Jenobo ha un inizio quasi da quartetto rinascimentale. A uno svolgimento tutto sommato "classico" (ma non "prevedibile") e a un tema per soprano, tuba e trombone si affiancano un "vento artico" e dei piatti in "phasing". Assolo di tuba, sostegno del Fender, bel contrappunto del soprano, buon lavoro di chitarra. Tema trombone/soprano, poi si torna al quartetto rinascimentale.

Firmata Robert Burns, Awa' Wi Yer Witchcraft ha una melodia dal sapore popolare, da fisarmonica o cornamusa. Qui lo strumento portante l'armonica, con unisono di trombone. Bella sorpresa, con grande naturalezza esce fuori qualcosa di "quasi brasiliano" con un assolo di trombone che diremmo la Bruce Fowler, poi tema e chiusa.

Pass The Parcel ha una melodia triste e meditabonda che ci parsa non troppo dissimile da certe arie di Wayne Horvitz (un buon riferimento sono i President di Miracle Mile). Sembra quasi di scorgere un Theremin, c' un flauto "africano" echizzato, una melodia con unisono di armonica e trombone. Percussioni riverberate, tuba.

Ritorna il Robert Burns autore con la bella Thou Hast Left Me Ever, Jamie. Inizio di chitarra arpeggiata con eco, poi tappeto di Fender Rhodes, tema per armonica e trombone all'unisono. Brano mesto, con sentito assolo di armonica dall'intelligente sottofondo (particolarmente bello il charleston).

Trombone sordinato, tuba, sax soprano "lacyano", pianoforte "jazz" e batteria dalla scansione regolare per Where Haggis Safely Graze. Soprano "cool", e un bel rapporto soprano/pianoforte. Poi un "... and 1, 2, 3!", che ci conduce a...

Haggis Hunt, ultimo brano dell'album, frizzante con begli assolo: armonica. trombone, piano Fender (con bell'appoggio di batteria), chitarra, e la tuba a fare il basso.

Firmata da Sander Hop, Requiem For A Midge porta l'album alla sua vera chiusa. Pedale di fiati e chitarra, frase discendente, chitarra con eco, e la tuba a chiudere.

Beppe Colli


Beppe Colli 2010

CloudsandClocks.net | Jan. 31, 2010