Jimmy ┼gren
Various Phobias

(Garageland Records)

"Essere un chitarrista di blues beefheartiano in Svezia non dev'essere facile (ma dove lo sarebbe?)." Aprivamo cosý l'intervista a Jimmy ┼gren da noi realizzata alla fine del 2004 a pochissima distanza della pubblicazione di Close Enough For Jazz, terzo album solo del musicista dopo Get This Into Your Head e Glass Finger Ghost. In quell'occasione ┼gren ci aveva non poco sorpresi comunicandoci di avere giÓ pronta buona parte del materiale per il suo nuovo CD. Da cui la speranza da lui nutrita che l'album - titolo previsto: Various Phobia - potesse uscire prima della fine del 2005.

Da parte nostra eravamo contenti del nuovo album, dove il piccolo ┼gren (il fratello maggiore Ŕ il batterista Morgan), confermatosi anche ottimo batterista, bassista e armonicista, si era mostrato come al solito dedito a coltivare con accattivante modestia una musica che commercialmente sembrava offrire ben poche speranze. E proprio in quell'occasione - e senza per questo voler nulla togliere alle coordinate "blues-beefheartiane" di cui s'Ŕ detto - ci eravamo augurati che gli spunti di sapore folklorico che avevano fatto capolino sugli strumentali Who's Lennard e Fifty Thousand Notes potessero trovare ulteriore sviluppo.

Le cose sono andate in modo del tutto diverso. Innanzitutto, com'Ŕ ovvio, per quanto riguarda la data di uscita di Various Phobias, che ┼gren ha realizzato in completa solitudine sia strumentale (ma capire che tutti gli strumenti sono stati suonati da una sola persona Ŕ pressochÚ impossibile) che tecnica. Poi, per quello che riguarda la musica: che non ha virato verso quel "rock folk" che ci eravamo augurati di poter ascoltare, ma che pare avere abbandonato non poco di quelle coordinate (e con esse l'armonica!, strumento qui del tutto assente) che rischiavano ormai di diventare maniera.

Non che l'ascoltatore che giÓ ben conosce il lavoro di ┼gren corra il rischio di non sapere dove si trova, complici l'apertura dell'album - un breve brano decisamente in linea con il passato - e il brano 7 (che vediamo come l'apertura di una immaginaria Side Two), uno strumentale che non avremmo trovato fuori posto sull'esordio (omonimo) dei Mallard. Ma in quest'album ┼gren sembra aver riformulato il suo concetto di groove, che da spezzato/fratturato (alla maniera di Drumbo) sembra oggi molto pi¨ lineare (in un senso alla Terry Bozzio o, talvolta, alla Simon Phillips). Mentre in parallelo quegli angolari riff ripetuti si alternano ora a briosi assolo che ci hanno non poco ricordato Jeff Beck: sia quello pi¨ antico del "British Blues" che quello "bulgaro" delle cose pi¨ recenti.

L'apertura di Smokin' France Ŕ classica & rassicurante, con un testo spiritoso e un'atmosfera complessiva che definiremmo non poco zappiana.

Ma Ŕ la successiva Little Devil (la Gibson SG?) che inizia a mostrare le novitÓ: ritmo asciutto e serrato (gli Yardbirds?), slide in stile Jeff Beck e bruciante assolo di chitarra sorretto da una batteria poderosa.

La lunga Light Show Bob vede delle sezioni "beefheartiane" alternarsi a momenti dalle chitarre stratificate e a momenti pi¨ "leggeri". Curiosamente il finale vede un ritmo che ci ha ricordato non poco quello della zappiana San Ber'dino - con il Jeff Beck "bulgaro" in assolo con leva.

Bello il groove "pigro" di Blow Me Hard, brano che (e non sapremmo davvero dire il perchÚ) ci ha richiamato alla mente i Kinks "rozzi" di Muswell Hillbillies.

Groove a metÓ fra Drumbo e Terry Bozzio con assolo di chitarra su base "boogie" per Jeff's House, mentre un groove alla Simon Phillips anima Goodnight Austin Texas, con ottimo basso.

554023 Ŕ il brano "Mallard" di cui si diceva: iniziale arpeggio "circolare" di chitarre acustiche con armonici, melodia suonata con la slide, e un effetto (che diremmo simulato) di "nastri rovesciati".

Waitin' Ŕ boogie con un buon assolo, Various Phobias ha delle ottime parti di batteria.

Durham Takeoff Ŕ un ottimo brano strumentale dove l'assolo di chitarra Ŕ diviso tra blues e delle strane melodie "svedesi" eseguite con la slide. Anche qui, ottima batteria.

Detto di una per molti versi normale They Don't Care, l'album (di lunghezza vinilica: una buona mossa) chiude benissimo con Mud Driller: arpeggio iniziale di chitarra elettrica con armonici, bella melodia dal sapore "popolare", ottima coppia basso e batteria, bell'assolo di chitarra slide e chiusura "simmetrica".

Viene il momento delle conclusioni. E qui possiamo solo rimpiangere il fatto che quel piccolo circuito di locali che un tempo ospitavano materiali eterodossi (anche contigui allo "stile" Rock In Opposition) sia ormai del tutto scomparso.

Beppe Colli


ę Beppe Colli 2008

CloudsandClocks.net | Mar. 6, 2008